federcopa: "LA REGIONE FA FINTA CHE IL CENTROABRUZZO NON ESISTE"

Caos Trasporti in Valle Peligna, Di Nisio: "Il Comune di Sulmona restituisca le quote azionarie"




TRASPORTI - Il disagio trasporti per i pendolari del centro abruzzo, tra aumenti delle tariffe e tagli alle corse, diventa sempre più insostenibile; il consiglio comunale di Sulmona ha chiesto la convocazione dell'assemblea dei soci dell'Arpa per una discussione che porti alla risoluzione di una questione che negli ultimi tempi sta assumendo dimensioni sempre maggiori.

 

Francesco Di Nisio, presidente della federazione dei pendolari abruzzesi, ha lanciato un appello all'amministrazione comunale di Sulmona: "I tagli alle corse e le stangate tariffarie che l'Arpa ha riservato ai pendolari e agli studenti del Centro Abruzzo, dopo aver ridotto la quantita' e la qualita' del servizio, meritano una risposta altrettanto forte: il comune di Sulmona restituisca a Chiodi le quote azionarie che detiene dell'Arpa. Speriamo che almeno cosi' Chiodi si schieri dalla parte dei pendolari abruzzesi e chieda il conto ai vertici dell'azienda di queste scelte che stanno isolando la valle Peligna".

 

"I pendolari hanno apprezzato la scelta del Consiglio comunale di Sulmona di chiedere la convocazione dell'assemblea dei soci dell'Arpa per discutere delle penalizzazioni adottate contro questo territorio - ha spiegato Di Nisio - in quell'occasione il comune di Sulmona, e mi auguro facciano lo stesso anche la provincia dell'Aquila e la Comunita' Montana Peligna, restituisca le azioni della societa' a Chiodi e a Morra. Davanti ad un gesto istituzionale cosi' forte, la Regione non potra' piu' e continuare a far finta che il centro Abruzzo non esiste".

 

04-06-2012